You are here: Home
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
EnglishSpanishFrenchGermanGreekJapaneseTurkish
Search

Alberobello Cultura

JA slide show
Errore
  • XML Parsing Error at 1:114. Error 9: Invalid character

Pino Pisicchio presenta il suo ultimo libro: Brutt'Epoque. Politica e Italiani antropologicamente modificati

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Share Link: Share Link: Facebook

Venerdì 6 novembre alla ore 18:00 l'Assessore alla Cultura Alberto Lippolis ed il sindaco Bruno De Luca  coadiuvati dall'Assessore Mino Perrini ospiteranno presso la sala consiliare del Comune di Alberobello l'On. Pino Pisicchio che presenterà il suo ultimo libro "Brutt'Epoque. Politica e Italiani antropologicamente modificati". La Bell’époque è, per la gente, quella breve stagione che fece, all’inizio del Novecento, da parentesi felice prima del precipizio della guerra. E’, comunque, l’idea di lusso, donne eleganti, champagne e torpedo blu. La ‘Brutt’époque’, titolo dell’ultimo pamphlet di Pino Pisicchio, deputato di lungo corso, ricercatore e saggista, è l’esatto opposto: è “il buco nero che sembra aver risucchiato lo spirito pubblico degli italiani e dei loro rappresentanti nelle istituzioni”. Una brutta stagione in cui come in un frullatore viene mischiato tutto: pubblico, privato, reclame, politica, istituzioni, geishe, yesmen, comportamenti pubblici, con l’effetto di produrre un blob che è un manifesto al cattivo gusto e alla caduta di ogni velo etico. L’unico punto di contatto con la Bell’epoque: ballare, come sul Titanic, inconsapevoli dell’impatto con l’iceberg. Un Titanic un po’più povero e un po’più kitsch.
Come siamo precipitati in questo girone d’inferno? Per Pisicchio il quindicennio berlusconiano ha prodotto una mutazione antropologica nella politica e negli italiani (il sottotitolo del pamphlet, edito da Levante, è, infatti: ‘politica e italiani antropologicamente modificati’), ma attenzione: questo è potuto avvenire con la piena collaborazione di chi si contrapponeva a Berlusconi, che ha accettato di giocare la partita politica con le regole scritte dal Cavaliere. Così partiti liquidi e cesaristi, riforme elettorali che uccidono ogni scelta dal basso, tramonto della cultura politica in favore della medializzazione totale hanno rappresentato un terreno di gioco in cui il più bravo a dare le carte era e resta sempre Berlusconi.
Siamo, però, alla fine di un ciclo, simmetrico a quella della Prima Repubblica e tutte le forze in campo sono destinate a cambiare, disegnando lo scenario del dopo. Come si uscirà, allora dalla Brutt’époque? Nelle cento pagine formato un/trentaduesimo, Pino Pisicchio si dice sicuro solo di due cose: ci salveremo con la ripresa della cultura politica, contro le agglutinazioni informi e ottuse e con il ritorno della democrazia nei partiti. Oggi desaparecida.




( 0 Votes )

Vedi anche:
Articoli più recenti:

 
TwitterJP-Bookmark

Menu Principale

 924 visitatori online
  • 551 registrati
  • 0 oggi
  • 1 questa settimana
  • 44 questo mese
  • Ultimo: maxbetevmica

ultime notizie